Frammentazione: Evitarla e Ridurla

Frammentazione: Come Peggiora le Performance

La frammentazione è un fenomeno inevitabile su Windows.

Perchè ho specificato su Windows?

Perchè su Linux e Mac, che usano filesystem diversi, la frammentazione viene ridotta nativamente.

Windows, invece, non ha nessuna contromisura alla frammentazione, ed inevitabilmente dopo alcuni giorni di utilizzo, i file vengono frammentati sul disco.

Per mostrarti come, quando, e perchè, facciamo chiarezza su alcuni concetti.

Come è Fatto l’Hard Disk?

Sappiamo tutti che un Hard Disk è formato da una serie di dischi magnetici paralleli, che ruotano.

L’accesso alle informazioni avviene tramite una testina magnetica che legge la superficie dei dischi.

La testina è mossa da un braccio meccanico.

Alla base della frammentazione: struttura fisica dell'hard disk

Il sistema operativo ha un modulo che gestisce i file. È il famoso filesystem.

Il filesystem ha un indice di tutti i file, con i riferimenti alle posizioni in cui sono scritti nell’Hard Disk.

Un altra nota: perchè ho usato il plurale?

Proprio perchè è naturale che i file vengano divisi.

Tra poco scopriremo perchè.

Ne consegue che la frammentazione è un fenomeno normale.

Ciò che non è normale, è l’eccesso di frammentazione.

Hard Disk: l’Elemento Più Lento del Sistema

Lo sapevi?

Tutti gli altri componenti essenziali del sistema sono elettronici.

L’Hard Disk è l’unico elemento elettromeccanico (escludendo lettori CD, etc).

Proprio per questo motivo risulta il più lento dell’intero sistema.

Immagina di dover trovare dei libri in un’enorme biblioteca.

Frammentazione: esempio libreria

Correresti avanti e indietro per i corridoi, sulle scale, ecc.

Questo è esattamente ciò che fa ogni secondo il tuo Hard Disk.

Il fatto che sia meccanico, produce inevitabilmente:

  • Lentezza;
  • Usura.

L’eccesso di frammentazione, infatti, è il peggior male del filesystem di Windows.

Ora vediamo meglio ciò che ci interessa.

Un attimo.

Prima di affrontare sul serio il problema della frammentazione, che ne dici di lasciarmi un click sul tasto +1 qui sotto?

Ti assicuro che ciò che stai per leggere sarà molto interessante, ed un tuo riscontro mi farebbe molto piacere.

Grazie davvero, continuiamo 😉

 

La Frammentazione: Caratteristiche e Cause

Prima abbiamo accennato alla struttura fisica dell’Hard Disk.

Il problema della frammentazione è da individuare nella struttura logica, ovvero quella software.

Frammentazione: cluster map iniziale

L’immagine rappresenta la struttura logica del mio Hard Disk in questo momento (per essere precisi, della parte di Hard Disk delimitata dalla partizione C:).

Questa visione è anche chiamata cluster map.

Ho una frammentazione dello 0,91%, dovuta principalmente da:

  • Cache di Firefox;
  • Aggiornamenti di Windows.

Ora, come si crea questa frammentazione?

E soprattutto, cos’è?

Qual è la Causa della Frammentazione?

Poche righe fa ho usato la parola cluster map.

Mappa dei cluster.

Cosa sono questi cluster?

Sono i rettangolini che vedi nell’immagine.

Un cluster, infatti, è una piccola parte logica di disco.

Dentro ogni cluster, è presente una sola parte di un file.

Mi spiego meglio.

Quando formattiamo un disco, specifichiamo la dimensione dei cluster.

Ad esempio, per NTFS (il filesystem più recente di Windows) la dimensione predefinita è generalmente di 4 KB.

Significa che se un file ha dimensione minore o uguale a 4 KB, sarà allocato in un cluster.

Se ha dimensione maggiore, verrà frammentato in più cluster.

Signori, ecco cos’è la frammentazione.

Immagina un file video da 1,45 GB.

Sarà frammentato in molti, ma molti cluster.

Ok , è normale questa fammentazione?

Si e no. Dipende.

Da cosa?

Da quali cluster vengono occupati dal file frammentato:

  • Cluster contigui: la normalità;
  • Cluster distanti: problema da risolvere.

In questo articolo, per convenzione, indicheremo come frammentazione, solo il secondo caso.

Perchè la Frammentazione è un Problema?

L’abbiamo visto poco fa con l’esempio dei libri.

Se un file è frammentato, il braccio meccanico dell’Hard Disk si muoverà su e giù senza tregua.

Questo è il principale motivo per cui le prestazioni di un computer peggiorano.

Inoltre, tieni a mente che mentre stiamo leggendo un file, è probabile che ci siano altri processi che utilizzano il disco.

Questo è un carico di stress enorme per l’Hard Disk.

Capisci perchè dobbiamo lavorare per evitare l’eccesso di frammentazione?

I Numeri sulla Frammentazione

D’accordo, ora abbiamo un quadro della situazione.

Sappiamo che l’eccesso di frammentazione è un male da evitare, se teniamo alla velocità e alla sicurezza del disco.

Ma quali sono i numeri?

Ci sono statistiche che dimostrano quanto la frammentazione peggiora le prestazioni?

Si, eccola.

Lo Studio di Joe Kinsella

Chi è questo individuo?

È il fondatore di Cloud Ealth Technologies, specializzato in Cloud Computing, virtualizzazione, sistemi distribuiti e sviluppo software.

Troviamo le statistiche in uno studio di Joe, in cui misura le performance del sistema, su diversi stati di frammentazione.

Cosa Dimostra?

Questo studio dimostra il calo di prestazioni visibile eseguendo semplici operazioni come:

  • Navigazione;
  • Videoscrittura;
  • Lettura di e-mail con un client di posta;
  • Scansione Antivirus.

Come ha Testato?

Per condurre il test, Joe ha predisposto quattro copie della stessa immagine del disco.

Una per ogni grado di frammentazione:

  • Immagine pulita (sistema appena installato);
  • Immagine con frammentazione minima;
  • Immagine con frammentazione media;
  • Immagine con alta frammentazione.

Per simulare il grado di frammentazione, Joe ha usato un’utility per creare volontariamente dati secondo algoritmi.

Ciò che ne è conseguito è stato un aumento programmato della frammentazione.

Predisposte queste quattro immagini, ha misurato per ciascuna i tempi per eseguire determinate operazioni.

I Risultati del Test

Ti risparmio i dettagli (che trovi leggendo il suo report), ma ciò che ci interessa è che le performance sono degradate in questo modo:

Utilizzo di Microsoft Word su 100 MB di documenti:

OperazioneSecondi con immagine di baseSecondi con l’immagine più frammentataIncremento dei tempi
Caricamento17,750,9+187%
Salvataggio2,946,1+1489%
Ricerca file16,970,4+68%

Abbiamo visto come tra le due immagini, ci sia un decremento di prestazioni massimo, del 1489%.

I test degli altri casi di impatto della frammentazione hanno prodotto questi risultati:

  • Impatto su Microsoft Outlook: +288%;
  • Impatto sulla velocità di navigazione con IE: 14%-198%;
  • Impatto sul tempo di scansione antivirus con AVG: +340%.

Miglioramento dopo la Deframmentazione

Abbiamo introdotto la parola deframmentazione.

Si tratta del procedimento inverso alla frammentazione.

Un software apposito analizza la struttura dei file, e ne riordina i frammenti per ottimizzare le prestazioni.

Con la sola deframmentazione, Joe ha ottenuto un miglioramento generale del 73% sulle prestazioni dell’intero sistema.

Per deframmentare correttamente ha utilizzato un prodotto professionale che usavo in passato.

Come Evitare la Frammentazione?

Meglio prevenire che curare, non è vero?

Per prevenire la frammentazione, infatti, ti presento il miglior programma professionale: Auslogics Disc Defrag Professional.

Si, esistono alcuni deframmentatori gratuiti abbastanza validi (come MyDefrag).

Ma hanno dei problemi.:

  • Non ottimizzano in tempo reale;
  • Non utilizzano algoritmi efficienti.

Gli algoritmi di ottimizzazione sono molto complessi, e non puoi trovarli in un prodotto gratuito.

#1 – Affidati a Software Professionali

Proprio per quanto letto poche righe fa, i deframmentatori professionali sono la scelta furba.

I maggiori benefici che ottieni utilizzando programmi seri sono:

  • Deframmentazione ad-hoc;
  • Diversi algoritmi di deframmentazione;
  • Deframmentazione ottimizzata;
  • Ottimizzazione in tempo reale.

Se hai bisogno di un deframmentatore, ti consiglio al 120% Auslogics Disc Defrag Pro.

Frammentazione: ottimizzare con Auslogics Disc Defrag ProGrazie a questo programma ho imparato ad ottenere il massimo dalle deframmentazioni.

L’ottimizzazione dello spazio libero, infatti, è l’operazione che aumenta in modo esponenziale le prestazioni.

Se lo acquisti da qui, ti viene applicato automaticamente uno sconto del 50%.

Non è annnciata la data del ritiro, quindi da un momento all’altro puoi ritrovarti senza sconto.

#2 – Vivi e Lascia Vivere

Il deframmentatore deve ottimizzare in background.

Perchè?

Perchè deve ottimizzare in tempo reale le tue operazioni.

Se esegui bene questa fase, non dovrai preoccuparti di deframmentare manualmente.

Sai il bello qual è?

È che per fare bene questa fase, non devi fare niente 😉

Quale Programma devo Acquistare?

Ok, ora abbiamo capito che con i deframmentatori gratuiti non andiamo da nessuna parte.

Vogliamo il prodotto serio.

La mia indicazione è questa:

Se sei indeciso, scarica la versione trial di Auslogics Disc Defrag Pro, e provala per un po’.
Puoi anche farmi sapere cosa ne pensi nei commenti.

Se ti accorgi del cambiamento e vuoi mantenerlo per sempre, puoi comprarlo dallo stesso link, scontato (per ora) del 50%.

Ti ringrazio per aver letto tutto l’articolo.

È evidente che sei un perfezionista.

Per scrivere questa guida gratuita ho impiegato alcune settimane, e un tuo riscontro mi farebbe molto piacere.

Che ne dici di lasciarmi un +1 o condividere l’articolo?

Per te è un click da meno di un secondo, e per me significa molta motivazione.

Grazie davvero 🙂

Per qualsiasi domanda, non esitare a scrivermi un commento qui sotto 😉

Davide

Fondatore ed Autore at FortyZone
Diplomato nel 2015 in Informatica. Studio Informatica alla Sapienza di Roma. Ho diversi interessi e passioni, tra cui musica, cinema, sviluppo software e web, SEO e digital marketing. Ah, suono il basso.
  • SisMa

    Ciao Davide,
    complimenti per questo articolo, molto ben dettagliato e scorrevole nel leggerlo! 🙂
    Mi hai tolto alcuni dubbi sul funzionamento interno di un hard disk e della sua frammentazione in cluster.
    Grazie!

    • Ciao e grazie a te per il il tuo pensiero, lo apprezzo molto 🙂